Crea sito

Cultgallery: Marlon Brando

Il debutto di Marlon Brando avviene, appena ventenne, sul palcoscenico di ‘I remember mama ‘, una commedia teatrale, ma è con la partecipazione in ‘A flag is born‘  del 1946 che si fa veramente notare, tanto da riuscire a soffiare il ruolo di Stanley Kowalski nella versione teatrale di ‘Un tram che si chiama Desiderio ‘ ad attori allora più gettonati come Burt Lancaster.

Culrt Stories Marlon Brando A streetcar named desire cinema Vivien Leigh Elia Kazan2

Marlon Brando e Vivien Leigh nella versione cinematografica di ‘Un tram che si chiama Desiderio’

Grazie allo stesso ruolo, questa volta interpretato nella versione cinematografica dell’opera, Brando ottiene la sua prima nomination agli Oscar. La prima pellicola che lo vede protagonista assoluto è però ‘Il selvaggio ‘, che lo trasforma subito nell’icona hollywoodiana del giovane ‘ribelle’, mentre la prima statuetta come miglior attore protagonista arriva nel 1955, grazie al personaggio di Terry Malloy in ‘Fronte del porto ‘ di Elia Kazan, al fianco di Eva Marie Saint.

Cult-Stories-Marlon-Brando-On-the-waterfront-hollywood-cinema-oscar

Marlon Brando in ‘Fronte del porto’

Da questo momento in poi la carriera di Marlon Brando sarà segnata da grandi successi ed altrettanti flop, fino alla consacrazione finale negli anni ’70 con i ruoli di Don Vito Corleone in ‘Il Padrino ‘ di Francis Ford Coppola e del vedovo Paul nel censuratissimo ‘Ultimo tango a Parigi ‘ di Bernardo Bertolucci, con Maria Schneider. In Italia la pellicola fu giudicata talmente scandalosa che tutte le sue copie furono condannate alla distruzione da una sentenza della Cassazione del 1976, alcune copie del film furono però salvate di nascosto.

Cult Stories The Godfather Francis Ford Coppola and Marlon Brando on set

Francis Ford Coppola e Marlon Brando sul set de ‘Il Padrino’

Cult Stories Marlon Brando Maria Schneider Last tango in Paris erotic cinema Bertolucci

Marlon Brando e Maria Schneider nella scena simbolo di ‘Ultimo tango a Parigi’

Come la sua carriera cinematografica, anche la personalità di Marlon Brando fu sempre altalenante, in bilico tra profonde introspezioni ed accessi di collera. Un carattere difficile, il suo, che lo portò a vivere una vita di contraddizioni, con tre matrimoni, 12 figli (tra naturali e adottivi) ed una serie infinita di relazioni.

Cult Stories Marlon Brando Jack Nicholson Missouri western cinema

Marlon Brando e Jack Nicholson in ‘Missouri’ (1976)

Alla fine degli anni ’70 l’attore appare visibilmente ingrassato e provato dalle vicende personali; per interpretare il colonnello Kurtz in ‘Apocalypse Now ‘ di Coppola pretende che le scene che lo riguardano siano girate in penombra al fine di celare la crescente obesità. Dopo questa interpretazione l’attore accetterà di girare solo dei cameo, come quello di Jor-El nel ‘Superman ‘ di Richard Donner. A seguito di diverse tragedie familiari, come il suicidio della figlia Cheyenne nel 1995, si ritira sempre più dalle scene pubbliche. Ormai costretto alla sedie a rotelle dall’eccessivo peso, muore nel 2004 ad 80 anni per una crisi respiratoria.

Cult Stories Marlon Brando Apocalypse now Coppola cinema Kurtz

Marlon Brando durante le riprese di ‘Apocalypse Now’