Crea sito

Kubrick e la passione per la fotografia

CQ

 

Tutti conoscono il talento innato di Stanley Kubrick regista: film come “Arancia Meccanica”, “Lolita”, “Eyes Wide Shut”, “Full Metal Jacket” e “Shining” lo hanno consacrato a buon diritto nell’impero del cinema. Quello che pochi sanno è che il primo lavoro di Kubrick fu quello di apprendista fotografo a soli 17 anni per la rivista newyorkese “Look”. La sua passione per la fotografia nacque alla tenera età di 13 anni, quando per il suo compleanno ricevette in regalo dal padre una macchinetta fotografica. Partì giovanissimo alla volta di New York, sviluppando una capacità tecnica ed estetica che gli sarebbe tornata utile nel lavoro per cui è diventato celebre, in particolar modo nell’inquadratura. Fu in quel periodo che la rivista, per cui lavorò fino all’età di 21 anni, lo notò acquistando una sua fotografia per 25 dollari.

Pur consacrando la sua vita al cinema, Kubrick riconobbe un’importanza non da poco anche all’arte della fotografia. In una delle sue interviste, infatti dichiarò: “la fotografia certamente mi fece compiere il primo passo verso il cinema. Per girare un film interamente da soli, come feci inizialmente io, si può non saperne molto di tutto il resto, però bisogna conoscere bene la fotografia”.

(A.C.)

Stanley Kubrick, the photographer Stanley Kubrick's photograph Art Photography: Stanley Kubrick Stanley Kubrick's photograph Stanley Kubrick, Autoritratto 11327_66cm_ 111 Kubrick, I hate love Stanley Kubrick photos
<
>
Tutti conoscono il talento innato di Stanley Kubrick regista, ma pochi sanno è che il suo primo lavoro fu quello di apprendista fotografo a soli 17 anni per la rivista newyorkese “Look”.
scritto da:

Annachiara Chezzi

Laureata in Scienze della Comunicazione e specializzata in Gestione delle Attività Turistiche e Culturali, è creatrice ed articolista di Cult Stories. La sua innata curiosità la spinge a non accontentarsi di nuotare in superficie e a voler approfondire gli argomenti che tratta.

Altri articoli di questo autore →

Scrivi all'autore: Annachiara Chezzi